Soluzioni per

Comunicare

Home / Cross Media / Perché questo blog

Perché questo blog

Sharing is Caring!

Perché questo blog - DM Services srl

Non molto tempo fa, quando qui in DM Services iniziavamo a ridefinire la nostra strategia commerciale e di marketing alla luce dei numerosi cambiamenti che hanno interessato la nostra azienda a partire dallo scorso anno, abbiamo provato un po’ tutti a fare un esercizio mentale interessante. Abbiamo cercato, cioè, di ricordare in quale modo si svolgeva il processo di acquisto di un bene dieci, quindici o venti anni fa, sia in ambito Business che in ambito Consumer.

State provando anche voi a fare mente locale? Provate a ricordare ad esempio quali passi facevate per acquistare una nuova lavatrice nel 1994 o nel 1999: come sceglievate la marca, il modello, in che modo riuscivate a procurarvi le informazioni che vi servivano per essere sicuri di aver fatto l’acquisto giusto al prezzo giusto.

Il mondo del direct marketing non ha subito un’evoluzione molto differente da quella del mercato consumer. Anche qui, solo quindici o vent’anni fa le modalità di comunicazione erano “blindate”, così come lo erano le regole sottostanti, tutte empiriche e tutte scolpite nella pietra decine d’anni prima da guru della comunicazione quali Ed Mayer o Lester Wunderman. In quel contesto, il ruolo del print service provider non si discostava molto da quello dal mero fornitore di servizi: ricevere gli impianti, stampare e provvedere alla postalizzazione dei materiali. Unico valore aggiunto, forse, poteva essere allora quello dell’ottimizzazione dei formati, del risparmio di scala su produzioni importanti e nella ricerca di soluzioni tecniche in grado di mantenere alta la qualità al giusto prezzo.

Il digitale e il print service provider

Con l’avvento del digitale, tuttavia, anche i bisogni del direct marketing stanno cambiando radicalmente. Se da un lato c’è un progressivo spostamento di risorse e di budget promozionali del mercato della comunicazione dal marketing ATL quello BTL, perché c’è una necessità stringente di misurare i ritorni degli investimenti effettuati (ROI) e i risultati in termini di acquisizione di fette di mercato, dall’altro chi vive oggi nelle aziende che operano nel settore del direct marketing si trova spesso, senza rendersene conto, ad utilizzare i nuovi mezzi digitali secondo logiche superate o anacronistiche, semplicemente a causa del gap informativo che si crea tra chi dispone delle nuove tecnologie e chi le dovrebbe utilizzare.

Mi è capitato molto spesso, in questi anni, di dover parlare con colleghi e amici che operano a volte con esperienza decennale nel direct marketing di quali potrebbero essere i benefici della gestione del dato variabile con la stampa digitale, o qual è il livello di clusterizzazione necessario cui tendere per  segmentare un database al fine di personalizzare la comunicazione direct indirizzata a determinate categorie di destinatari. 

Oggi, altrettanto spesso, mi capita di evidenziare ai miei interlocutori come alcune campagne potrebbero beneficiare di un ciclo cross-mediale che, creando sinergie tra cartaceo e new media, ne favorirebbe senza alcun dubbio la riuscita in termini di contatti e di risultati acquisiti.

Non è, credetemi, un percorso facile o immediato, non più di quanto non lo sia quello di pensare ad una integrazione dei linguaggi e delle modalità di comunicazione tipici del digital marketing in un mondo spesso fatto esclusivamente di carta stampata. In Italia, tuttavia, il ritardo che registriamo su questi temi rispetto a realtà come quella statunitense o quella tedesca è macroscopico: basti pensare che negli Stati Uniti esistono aziende di digital marketing che si sono evolute attorno a queste tecnologie fin dal 2008 o 2009 e che fanno oggi dell’integrazione multicanale il loro core business, operando peraltro in un regime di concorrenza molto acceso. Nel nostro Paese, invece, queste tecnologie fanno ancora parte esclusivamente del patrimonio delle aziende e delle agenzie di marketing più evolute e più consapevolmente impegnate nella ricerca di soluzioni di comunicazione in grado di massimizzare gli investimenti promozionali e migliorare il ROI delle proprie attività.

Per i provider della graphic art communication come DM Services, da sempre impegnati nella ricerca di soluzioni innovative da proporre sul mercato, l’unica risposta possibile a questo scenario è evidentemente quello della condivisione con i nostri partner, clienti, interlocutori di un nuovo approccio al marketing.

Nasce così il blog Soluzioni per Comunicare: non una vetrina promozionale, ma un luogo di condivisione e, ci auguriamo, di confronto sull’innovazione nel direct marketing digitale e multicanale in Italia.

Non rimane, quindi, che augurare a tutti buone letture.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Allora non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter! Noi odiamo lo spam quanto te: riceverai solamente un paio di e-mail al mese sugli ultimi aggiornamenti dal nostro blog e su tutte le offerte promozionali riservate ai nostri clienti.

        ISCRIVITI subito alla nostra NEWSLETTER!          
Sharing is Caring!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*