Soluzioni per

Comunicare

Home / Direct Marketing / Content marketing e Pubblicità tradizionale: nemici o amici?

Content marketing e Pubblicità tradizionale: nemici o amici?

Sharing is Caring!

Content marketing e Pubblicità tradizionale

È ormai molto tempo che si parla di Content Marketing e della sua efficacia, soprattutto in riferimento al  livello di Engagement che riesce a creare e alla sua capacità di generare Lead qualificati. Anche noi in questo blog, che nasce proprio come strumento di Content Marketing, ne abbiamo parlato molte volte in senso positivo. Ora anche le medie e grandi aziende, perfino quelle più abituate a fare solo pubblicità tradizionale, sembrano mostrare un forte interesse nelle potenzialità e nei vantaggi derivanti dall’utilizzo di questo strumento di marketing.  Questa presa di consapevolezza da parte delle imprese e delle PMI verso le potenzialità di una strategia basata sui contenuti, sta portando ad un incremento del suo utilizzo un po’ in tutti i settori di attività; incremento che porterà in diretta concorrenza due strumenti di marketing che fino a poco tempo fa non lo erano: Content marketing e Pubblicità tradizionale .

Content marketing e Pubblicità tradizionale: alcune statistiche comparative

In questo post ti voglio mostrare, con l’aiuto di una infografica realizzata da Marketo, alcune statistiche riguardanti l’incremento degli investimenti da parte delle aziende in questo tipo di comunicazione e le ripercussioni che questo cambio di rotta stanno portando nel mondo della pubblicità tradizionale. Vedrai inoltre con me alcuni dati sui vantaggi competitivi derivanti da strategie basate sul Content Marketing.

Come potrai capire, le statistiche riportate qui sotto nell’infografica comprendono una grande varietà di informazioni sul Content Marketing che interessano e riguardano direttamente aziende, marketers e agenzie di comunicazione. Ecco quelle che secondo me sono le più rilevanti.

Il Content Marketing è un nuovo rivale della pubblicità?

Il Content Marketing è una forza da non sottovalutare poiché come dicevo l’investimento in piattaforme e strumenti di Content Marketing da parte delle aziende è sempre maggiore.

Il 51% delle aziende aumenterà la spesa nel corso dei prossimi 12 mesi, il 45% manterrà il livello di spesa attuale e, solo, il 2% prevede di diminuire il budget in Content Marketing.

Il dato che salta all’occhio è che il 51% delle aziende che hanno in programma di aumentare la spesa in Content Marketing nei prossimi 12 mesi sono di tipo B2B, sebbene questo comparto già destina il 26% del budget in comunicazione e commercializzazione prodotti.

Anche se ancora il budget in Content Marketing è significativamente più piccolo rispetto a quello della pubblicità tradizionale, appare evidente che a breve non sarà più così. Dai dati sembra infatti che Content Marketing e Pubblicità tradizionale saranno concorrenti diretti e si spartiranno in egual misura le risorse destinate al budget in comunicazione.

Perché le imprese dovrebbero utilizzare i contenuti per fare marketing

a) mitigazione del rischio

Il Content Marketing sviluppa fiducia nel consumatore, fornendo all’acquirente informazioni che lo aiuteranno poi a prendere la giusta decisione, riducendo così il rischio di sbagliare del cliente stesso.

b) Lead Generation

Il contenuto aiuta e guida le persone in vari modi generando così dei Lead qualificati da inserire nel DataBase aziendale.

Le aziende, come utilizzano il Content Marketing? Quali strumenti usano?

Gli strumenti più utilizzati sono: i Social media (79%), la pubblicazione di articoli (78%), eventi (62%), newsletter (61%), case studies (55%), blog (51%), libri bianchi (43%) e webinar  o webcast (42%).

Quali sono i social network più utilizzati per diffondere i Contenuti?

In testa c’è Twitter (55%), seguito da Facebook (54%), Linkedin ( 51%) e infine c’è YouTube (38%)

Quali sono dunque, le sfide che deve affrontare oggi il Content Marketing per affermarsi definitivamente come valida alternativa alla pubblicità tradizionale?

  • 36% la produzione di contenuti coinvolgenti
  • 21% la produzione di contenuti in numero soddisfacente
  • 20% mettere il content marketing nel budget destinato alla comunicazione
  • 9% produrre di contenuti originali

Tu che ne pensi? Ce la farà il Content Marketing ad imporsi anche in Italia come una valida alternativa alla pubblicità tradizionale?

Content marketing e Pubblicità tradizionale: nemici o amici?

Sharing is Caring!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*